Gruppo trauma – da venerdì 5 aprile 2024

8 incontri in Aprile-Maggio, per un gruppo di elaborazione del trauma subito a seguito di violenza nella relazione d’intimità.

Il corso è offerto a costo minimale grazie al sostegno di Fondazione di Modena. I posti sono limitati.

8 incontri il venerdì sera, 20:00

Date:

venerdì 5 Aprile, 20:00 -22:00

venerdì 12 Aprile, 20:00-22:00

venerdì 19 Aprile, 20:00-22:00

(si salta venerdì 26 aprile, per il ponte)

venerdì 3 maggio, 20:00-22:00

venerdì 10 maggio, 20:00-22:00

venerdì 17 maggio, 20:00-22:00

venerdì 24 maggio, 20:00-22:00

venerdì 31 maggio, 20:00-22:00

L’obiettivo del corso è accogliere a sostenere donne vittime di violenza che intendono iniziare un percorso di cura di sé con l’aiuto di figure professionali specializzate. I conduttori del corso introdurranno gradualmente strumenti che permetteranno alle utenti di entrare in contatto col proprio vissuto nell’ambito di un setting protetto che integra lavoro sul corpo, sulle emozioni e sull’espressione del trauma. Alla fine del percorso, già sperimentato con successo negli ultimi 2 anni con diversi gruppi, le donne si sentono più sicure, più in connessione e hanno sperimentato il potere della condivisione e del gruppo.

Info e iscrizioni

059 454367 – info@asiamodena.it

Dove

A.S.I.A. Modena
Via Ettore Orlandi 20/A a Modena (Dove Siamo)

Per chi

Il corso è rivolto a donne accomunate dallo stesso disagio che intendono contattare le difficoltà conseguenti al vissuto violento subito all’interno di una relazione intima, per ripararlo e superarlo.

Subire violenza è un’esperienza traumatica che lascia degli effetti psico somatici nella vita della donna. Le conseguenze della violenza possono interferire nella vita della vittima, anche dopo l’uscita dalla situazione emergenziale.

Docenti e strumenti

Sonia Venturini – Psicologa psicoterapeuta
Paola Vigarani – Vittimologa e Counselor Clinica Professionale
Roberto Ferrari – Biologo e Istruttore Mindfulness
Alice Roveda – Psicologa clinica e riabilitativa

I docenti propongono un approccio al trauma nel corpo attraverso tre strumenti. Lo Yoga Informato sul Trauma (YST), studiato per esplorare le sensazioni del corpo in totale sicurezza e senza alcuna forzatura, un lavoro che favorisce l’auto-regolazione emotiva, sperimentato da oltre 10 anni e con ampio background di pubblicazioni e validazioni scientifiche. L’EMDR (Eye Movement Desensibilization and Reprocessing) una tecnica di desensibilizzazione al trauma attraverso i movimenti, che è stato strutturato anche per il lavoro di gruppo, con specifiche pubblicazioni. Infine la scrittura autobiografica creativa, proposta da Conselour formata in Vittimologia, è uno strumento espressivo riservato e delicato, per restituire i vissuti e facilitare in modo non intrusivo il contatto con le emozioni dolorose, e con la narrazione del trauma subito.