Mindfulness MBCT-ca

DA OTTOBRE 2019, un percorso specifico per pazienti oncologici

Dai primi di settembre 2019, sono previsti i colloqui individuali di orientamento.
Per informazioni e per prenotare il colloquio: dr.ssa Emanuela Poggioli 349 233 7958, emanuelapoggioli@yahoo.it

Da ottobre 2019, inizierà il protocollo di 8 settimane, indicativamente il pomeriggio del giovedì dalle 14:30 alle 17:00. Il protocollo prevede una giornata di pratica intensiva, che sarà convenuta a corso iniziato, e una giornata di follow- up.

La partecipazione è consigliata a coloro che hanno concluso il ciclo attivo delle cure (chemioterapia, radioterapia, intervento chirurgico), ma ogni specificità sarà comunque discussa con la persona nel corso del colloquio individuale di orientamento.

La diagnosi di cancro ed il suo trattamento hanno conseguenze traumatiche sull’equilibrio psicologico della persona che ne è affetta. Il disagio esperito nel corso della patologia comprende, oltre al dolore fisico, emozioni di rabbia, paura e disperazione. Il cancro infatti rappresenta una minaccia alla sopravvivenza, all’integrità fisica, alle relazioni personali ed al senso di se stessi.

La sensazione di incertezza davanti ad una condizione che potrebbe progredire o ripresentarsi in ogni momento, la perdita di controllo del proprio corpo e della propria vita, sono esperienze comuni in chi ha un tumore. Una percentuale significativa di pazienti oncologici vive una situazione di persistente disagio psicologico con sintomi di ansia e depressione. In questo contesto, la mindfulness offre nuovi modi di rapportarsi al trauma ed alla sofferenza.

La MBCT-ca (Mindfulness Based Cognitive Therapy per pazienti oncologici), infatti, si fonda nell’idea che la nostra sofferenza emerge in realtà da come ci relazioniamo alle esperienze di dolore, disagio e difficoltà più che dalle esperienze stesse. Tale prospettiva indica la possibilità di poter ridurre l’angoscia apprendendo un nuovo modo di rapportarsi con le esperienze spiacevoli e indesiderate, anche se si può fare poco per cambiare l’esperienza in sé.

Il programma di terapia cognitiva basata sulla mindfulness per pazienti con cancro (MBCT-ca), costituisce un adattamento della struttura base dell’MBCT alle specifiche esigenze delle persone che stanno vivendo l’esperienza della malattia oncologica. Elaborato da Trish Bartley, è il risultato di oltre un decennio di esperienza di valutazione, sviluppo e ridefinizione.

Modalità organizzative

Il gruppo è costituito da un massimo di 14 persone ed è previsto un colloquio preliminare individuale di orientamento della durata di circa un’ora. Gli incontri si terranno presso gli spazi del Centro Mindfulness “Mente&Vita” dell’Associazione ASIA Modena, al primo piano di Via Ettore Orlandi, 20/A, che sono attrezzati di sedie, materassini, coperte e altri elementi che servono per lo svolgimento del corso. (per maggiori indicazioni: DOVE SIAMO)

Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e viene pertanto offerto ai pazienti oncologici a un costo ridotto. Posti gratuiti sono riservati a persone in difficoltà socio economica.

Strumenti e struttura del corso

Il corso è costituito da 8 incontri di gruppo a cadenza settimanale, della durata di 2 ore e 30 circa l’uno, di una giornata intensiva di pratica e da una sessione di follow-up al termine del percorso. È richiesta una pratica giornaliera a casa, di circa 30-45 minuti al giorno, supportata da guide audio dedicate, cui i pazienti potranno accedere grazie a una password sulla piattaforma informatica dell’Associazione ASIA Modena.

Le attività del corso prevedono pratiche guidate di esercizi di movimento consapevole (seduti, sdraiati e in piedi), attenzione consapevole al respiro, camminata consapevole, dialogo di gruppo. Vengono incoraggiate le pratiche informali (semplici atti condotti in piena consapevolezza) e le pratiche brevi, che hanno lo scopo di intrecciare le attitudini mindfulness alla vita quotidiana. Presuppongono di prestare attenzione, in modo intenzionale, a ciò che si sta facendo in quel momento, con cura e gentilezza. I partecipanti riceveranno un quaderno con gli esercizi di pratica ed istruzioni registrate per il lavoro a casa.

La Mindfulness può aiutare concretamente a sviluppare una maggiore abilità nel gestire lo stress e le emozioni negative correlate alla propria condizione. Gli obiettivi del corso, pertanto, sono quelli di fornire ai partecipanti degli strumenti per diventare più consapevoli delle proprie risorse, per sostenere il proprio benessere e per affrontare in modo diverso le condizioni che causano dolore e disagio fisico ed emotivo.

Insegnanti

Corsi di Mindfulness MBSR

  • Presentazione protocollo: VENERDÌ 11 OTTOBRE 2019 alle 20:00 – Prenotazione obbligatoria contattando la segreteria (059/454367 – info@asiamodena.it)
  • Inizio: 18 Ottobre 2019 (non c’è lezione venerdì 1 novembre)
  • Fine: 13 dicembre 2019
  • Orari corsi: POMERIDIANO: venerdì 15:30–18:00.       SERALE: venerdì 19:30–22:00
  • Giornata intera di pratica (Full Day): domenica 24 novembre 2019 (9:00 – 17:00)

Nel caso che, come nelle recenti edizioni del protocollo, il numero di richieste superasse quello dei posti disponibili, potrà essere attivato un secondo corso serale nello stesso periodo.

La Mindfulness può aiutare concretamente a sviluppare una maggiore abilità nel gestire lo stress e le emozioni negative correlate alla propria condizione.

Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR) è un protocollo internazionale per la riduzione dello stress mediante la consapevolezza.

Il protocollo, ideato dal dott. Jon Kabat-Zinn, fondatore della Stress Reduction Clinic e professore emerito di medicina presso la Medical School dell’Università del Massachusetts, è sostenuto da trent’anni di ricerca clinica e validato dalla letteratura con oltre 2500 studi scientifici pubblicati dalle maggiori riviste mediche.

L’aspetto centrale del programma è l’insegnamento di un metodo efficace che porta a sviluppare un profondo livello di presenza mentale e consapevolezza (mindfulness) e ad applicarla alla vita quotidiana.

La struttura del corso è composta da 8 incontri di gruppo a cadenza settimanale della durata di 2 ore e 30 minuti circa l’uno, di una pratica quotidiana di 30-45 minuti al giorno a casa supportata da indicazioni su file audio, e di una domenica “full day practice” nella seconda metà del corso.

Le attività prevedono pratiche guidate di yoga light, body scan, ascolto del respiro naturale, meditazione. Si tratta di esercizi di consapevolezza, seduti, sdraiati e in piedi, integrati da dialogo di gruppo; consapevolezza nella comunicazione; contributi teorici sulla fisiologia dello stress. Nella giornata intera di pratica, si opera con diverse pratiche in uno stato di continua e spontanea presenza mentale.

Gli obiettivi del corso sono quelli di fornire ai partecipanti al protocollo strumenti per diventare più consapevoli delle proprie risorse, per sostenere il proprio benessere e per affrontare in modo diverso le condizioni che causano stress.

Addestrarsi ad essere più presenti e consapevoli di ogni momento della vita genera uno stato mentale che la rende più reale e significativa. Ciò significa anche affrontare in modo più diretto ciò che è spiacevole o difficile, tuttavia il riconoscere e il “volgersi verso” le difficoltà è un metodo potente per diminuire sofferenza, fatica e ricadute nei circoli mentali viziosi, attraverso modalità “gentili” per affrontare queste difficoltà, con l’aiuto di chi guida e degli altri partecipanti.

Il corso è indicato dai 20 ai 70 anni, e la pratica può essere adattata a tutte le condizioni fisiche. Una presentazione iniziale pubblica viene in genere offerta prima che le persone si impegnino per far conoscere loro i contenuti del lavoro, e per vagliare le richieste di partecipazione, al fine di comporre un gruppo numericamente e qualitativamente omogeneo. Un colloquio iniziale può essere richiesto per condizioni particolari, per valutare l’opportunità di partecipazione del singolo candidato.

l corsi sono tenuti dalla dott.ssa Patrizia Gasparini, psichiatra e dalla dott.ssa Emanuela Poggioli, psicologa e psicoterapeuta, che si sono formate come istruttori MBSR presso AIM di Milano;  dalla dott.ssa Maria Pia Ricchieri, medico e dal dott. Roberto Ferrari, biologo che si sono formati nel Protocollo MBSR completando il Master di secondo livello “Meditazione e Mindfullness: Neuroscienze ed Applicazioni Cliniche nelle professioni di aiuto”, presso il Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche dell’Università di Firenze, primo Master italiano finalizzato allo studio della meditazione per applicazioni a diverse categorie di persone. Roberto e Maria Pia sono allievi di meditazione del Maestro Franco Bertossa da oltre 20 anni, e dal 2012 applicano le tecniche di Mindfulness anche in ambito clinico e ospedaliero, con pazienti con problemi respiratori cronici, pazienti oncologici, pazienti con lesioni spinali, pazienti terminali.

Leggi i commenti dei partecipanti

 

Per approfondire ASIA Modena propone anche:

Yoga e Meditazione

Yoga e Mindfulness

Zazen (gratuito)

Mindfulness Teens (15-21 anni)

Programma MBSR di riduzione dello stress e dell’ansia

8 VENERDÌ dalle 15:00 alle 17:00

I ragazzi e gli studenti sperimentano una sempre maggiore pressione ed elevati livelli di stress. Domande crescenti di performance sociali e scolastiche, scadenze ravvicinate, ritmi veloci da tecnologia, difficoltà relazionali, sono alcuni fattori comuni che generano ansia, depressione e irritabilità. I momenti di difficoltà, l’approssimarsi di esami, i passaggi di vita o di ambienti, sono sfide che occorre affrontare preparati.

Oltre 30 anni di ricerca scientifica hanno mostrato l’efficacia del protocollo Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR) per sviluppare strumenti che aiutano ad affrontare le tensioni, accrescere creatività e fiducia, riportare equilibrio emotivo e cognitivo. Capire sé stessi, nel cambiamento.

Grazie ad esso i ragazzi possono imparare a:

  • affinare l’abilità a focalizzare e mantenere attenzione, diminuire la dispersione mentale;
  • affrontare esperienze intense con meno impulsività, e migliorare gli stati d’umore;
  • ascoltare il loro corpo e leggerne i segnali emotivi;
  • vedere la propria vita con meno auto-critica e più chiarezza;
  • coltivare le proprie domande più profonde;
  • accrescere gentilezza verso se stessi ed empatia verso i compagni;
  • acquisire un metodo da poter applicare da soli e da portare avanti nel tempo.

La Mindfulness non chiede di credere in qualcosa, né chiede di smettere di credere in qualcos’altro. È relativa a coltivare l’attenzione e ad imparare dalle proprie osservazioni dirette e promuove una accettazione gentile, ma non condiscendente, verso se stessi e gli altri.

Prima dell’inizio del lavoro vero e proprio, è possibile partecipare a una presentazione collettiva o a un breve colloquio conoscitivo individuale con gli interessati, allo scopo di far emergere motivazioni ed aspettative.

Per partecipare, contattare la segreteria

E’ anche possibile fissare un incontro individuale con la Dott.ssa Poggioli al Venerdì pomeriggio presso la nostra sede, sempre prenotandosi presso la segreteria dell’Associazione.

Il corso, che avrà inizio alla formazione del gruppo, si terrà per 8 pomeriggi, al venerdì, dalle ore 15:00 alle 17:00. È parte integrante del corso di Mindfulness MBSR Teens una mezza giornata di pratica intensiva, in genere una domenica mattina.

Ai ragazzi viene fornito materiale per il lavoro a casa (15-25 minuti al giorno) e files audio per sostenere  l’esecuzione degli esercizi

Non possiamo sempre scegliere ciò che ci accade, ma possiamo imparare come rapportarci con esso in modo più calmo, sapiente e lucido

Leggi i commenti dei partecipanti

INSEGNANTI:

Dott.ssa Emanuela Poggioli, laureata in Psicologia presso l’Università degli Studi di Parma, specializzata in Psicoterapia Cognitiva presso l’Associazione di Psicoterapia Cognitiva di Verona, si occupa di Psiconcologia e Cure Palliative per la Fondazione Ant Italia Onlus ed in convenzione con l’Azienda Usl di Modena. Praticante di meditazione con il Maestro Mario Thanavaro. Nel 2016 si è diplomata in Mindfulness Professional Training, master di specializzazione per istruttori di protocolli basati sulla mindfulness (MBSR) presso AIM (Associazione Italiana per la Mindfulness), Milano.

Dott. Roberto Ferrari, laureato in Biologia presso l’Università degli Studi di Modena, si occupa di ricerca in Entomologia presso il Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna. Praticante di yoga e meditazione con il Maestro Franco Bertossa. Insegna Hatha Yoga dal 1993. Insegna Mindfulness presso l’Associazione Asia Modena dal 2013.
Si è formato, relativamente alle pratiche di Mindfulness e in particolare al protocollo MBSR, nel il Master di secondo livello Meditazione e Mindfulness: Neuroscienze ed Applicazioni Cliniche nelle professioni di aiuto, presso il Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche dell’Università di Firenze. Dal 2012 applica la Mindfulness in ambito di ricerca in Ospedale a pazienti con problemi respiratori cronici e con pazienti oncologici, in collaborazione con l’Università di Modena ed ha pubblicato su riviste internazionali i primi esiti di queste ricerche.