Conoscersi nel movimento

La forza altalenante della vita ci cattura e infiamma, illude e disseta.
È naturale sentirsi sballottati in questo movimento che sa di centrifuga ed è raro riuscire a coglierne la bellezza, il respiro sapiente e le gioie più pure.

“Non si tratta a questo punto di acquisire conoscenze sulla modalità dell’avere, ma delle possibilità sulla modalità d’essere”
(B. Aucouturier).

Date:
dal 4 al 25 ottobre 2018
dal 10 gennaio al 7 febbraio 2019
dal 21 marzo all’11 aprile 2019
e dal 30 maggio al 20 giugno 2019

Orario: il giovedì dalle 20.30 alle 22.30

Insegnante: Stefano Leone

È la disponibilità a sentirsi che permetterà l’acquisizione vera di conoscenze vissute esperienzialmente.

Si tratta di riscoprire il prezioso strumento comunicativo che è il corpo, che si traduce in quel linguaggio del movimento formato di stati corpo-mente.

Incentreremo la pratica sulla ricerca del movimento consapevole, attraverso l’ascolto di sé e dell’altro.

Per ripulire il campo esperienziale e dunque coincidere di più con noi stessi, necessitiamo di una pratica di centratura, volta a sensibilizzare l’attenzione e aprire varchi all’intenzionalità.

Ricorreremo a pratiche marziali quali il Ki-Aikido e l’Yi Quan e ad alcuni elementi dello Yoga, con lo scopo di fondere in un unico nucleo l’esplosività precisa e la delicatezza, in un’emersione spontanea che emana autenticità.

Riscopriremo, attraverso il movimento, il piacere e l’esigenza di esprimere e raccontare il nostro sentire, la nostra storia, intessuta di poesia e sofferenza.

Per saperne di più:
Conoscersi nel movimento.pdf